Il sentiero verso casa

Il sentiero verso casa, opera d’esordio di Fabio Fiorini, oltre a essere un romanzo storico è soprattutto un romanzo di formazione. Le vicende di Thomas, il giovane protagonista, infatti, seppur ambientate alla fine degli Anni Novanta, si legano indissolubilmente a quelle vissute dai suoi nonni durante la Seconda Guerra Mondiale, mescolandosi con esse in un susseguirsi di flashback che, tassello dopo tassello, ricostruiscono un mosaico intricato di verità nascoste e menzogne perpetrate. La storia è un elemento fondamentale di questa opera e l’autore ce la fa vivere in prima persona attraverso una struttura letteraria fruibile, scorrevole e, soprattutto, molto cinematografica. Fabio Fiorini, attraverso un linguaggio fluido e snello, ci fa “vedere” quello che succede ai personaggi, includendo nel suo ruolo di scrittore anche quello involontario di regista. Ciò che colpisce è soprattutto la capacità di Fabio di spaziare agevolmente da un contesto storico all’altro, da una situazione all’altra, trascinandoci in una narrazione ritmica, serrata e travolgente che si dipana in un giallo che lega cinquant’anni della vita dei protagonisti. A fare da sfondo al tutto, poi, vi è una provincia a volte pigra a volte sfuggente che, con le sue atmosfere noir, riesce a essere la giusta cornice all’evolversi degli eventi. Scaturiti durante la Seconda Guerra Mondiale proprio da quel sentiero verso casa che cambierà per sempre la vita di chi ha avuto la sfortuna di percorrerlo e di chi è stato legato a lui dalle drammatiche circostanze. Ma Il sentiero verso casa, ribadiamo, è anche un bellissimo inno all’amore, alla giustizia, all’onore e all’amicizia, valori che il giovane adolescente Thomas già possiede, ma che comprende fino in fondo soltanto quando decide di affrontare una volta e per tutte il suo passato familiare. A Fabio diciamo bravo perché ha saputo narrare con passione ed emozione un evento ispirato a una storia vera che, per sua stessa ammissione, ha scoperto leggendo un vecchio diario di guerra di suo nonno. Un plauso grande, quindi, per aver dato sfogo alla sua fantasia unendola alla realtà, creando una commistione che tocca il cuore, ricordandoci che la menzogna e l’omertà, in guerra come in pace, sono le vere responsabili delle azioni degli uomini. E che la guerra, qualunque guerra, è in grado di trasformare ogni singolo individuo nell’ombra più oscura di sé stesso, contagiando e devastando, purtroppo, l’animo umano. Grazie, Fabio per questa bellissima esperienza. Il tuo romanzo è stato davvero un bellissimo esordio che, siamo sicuri, non rimarrà tale. Te lo auguriamo con tutto il cuore. Alla prossima! Noi, ci saremo!
 Giorgia Amantini
Link per l’acquisto del romanzo:
http://www.argentovivoedizioni.it/scheda.aspx?k=il-sentiero-verso-casa
https://www.amazon.it/sentiero-verso-casa-Fabio-Fiorini/dp/8832106213

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...