“Silenzio” di Laura Riggi

Silenzio. Voglio ascoltare solo il rumore del mare che mi fa compagnia, in questa generosa quieta tempesta dentro e fuori. Tu, ragazza che cammini leggera, sei sola come me, smarrita nella tua lucida follia. Anche tu come me non sai dove andare, cosa fare? Anche tu come me vorresti sparire tra le onde e risalire un po’ più in là, dove c’è ancora più silenzio?
Vorrei essere come quei gabbiani. Che ne sanno loro del dolore? Che ne sanno di come ci si sente quando si vuole soltanto scomparire, farsi piccoli piccoli? Loro sanno volare, si librano leggeri, si inseguono. Voglio anche io volare. Essere leggera nel cielo. Voglio stare qui, con le gambe incrociate e quattro parole in fila, a non pensare. Semplicemente qui, con il mare che mi abbraccia e mi culla. In questa quieta tempesta.