Ricordi – Ladyhawke

SCHEDA TECNICA
LADYHAWKETitolo originale: Ladyhawke
Nazionalità: USA
Anno: 1985
Genere: Avventura, Fantasy
Soggetto: Edward Khmara
Sceneggiatura: Edward Khmara, Tom Mankiewicz, Michael Thomas, David Webb Peoples
Fotografia: Vittorio Storaro
Montaggio: Stuart Baird
Effetti speciali: John Richardson
Scenografia: Wolf Kroeger, Giovanni Natalucci
Costumi: Nanà Cecchi
Musica: Andrew Powell
Produttore: Lauren Shuler
Regia: Richard Donner
Cast: Personaggi e interpreti
Philippe Gaston (Matthew Broderick)
Etienne Navarre (Rutger Hauer)
Isabeau D’Anjou (Michelle Pfeiffer)
Sua Grazia Vescovo di Aguillon (John Wood)
Imperius (Leo McKern)
Marquet (Ken Hutchinson)
Cezar (Alfred Molina)
imagesNOTIZIE
Era il lontano 1985 quando Ladyhawke arrivò nelle sale e pensare che tra un anno questo piccolo gioiello cinematografico compirà trent’anni ha davvero dell’incredibile. Perché, nonostante l’età che avanza,  Ladyhawke possiede l’elisir di eterna giovinezza e, decennio dopo decennio, acquista sempre più prestigio, divenendo un vero cult nel suo genere. Cinque i suoi punti di forza: Richard Donner alla regia (di lì a breve la saga di Arma Letale lo consacrerà definitivamente), Andrew Powell (collaboratore di Alan Parson) alle musiche, Vittorio Storaro alla fotografia (un pezzo importante d’Italia insieme alla costumista Nanà Cecchi), un cast stellare che annovera tra le sue fila Rutger “Blade Runner” Hauer, Matthew Broderick in procinto di spiccare il volo e una lanciatissima Michelle Pfeiffer e l’ambientazione medievale, ricreata grazie agli scenari naturali del Parco Nazionale dell’Abruzzo e della città de L’Aquila.
 LA TRAMA
Philippe Gaston (Matthew Broderick) è un piccolo ladruncolo che riesce a scappare dalle terribili prigioni di Aguillon, fortezza governata da Sua Grazia il Vescovo (John Wood), un clericale potente e malvagio. Nella sua fuga si imbatte in un misterioso personaggio, Etienne Navarre (Rutger Hauer), che gli salva la vita dai soldati di Sua Grazia e in cambio gli chiede di condurlo nella città da cui è fuggito proprio per vendicarsi del Vescovo stesso di cui, in passato, è stato Capitano della Guardia. Dapprima restio, Philippe accetta, seppur diffidente nei confronti dell’ uomo che viaggia sempre accompagnato, oltre che dal fido destriero Golia, da uno splendido falco da cui non si separa mai, se non di notte. E proprio di notte, nel bosco, durante una sosta, il ragazzo incontra una splendida e misteriosa fanciulla (Michelle Pfeiffer), che di giorno, però, scompare. Finché, durante un nuovo scontro con i soldati del Vescovo, il falco viene ferito da un colpo di balestra.ladyhawke-ladyhawke-10705735-1024-576
Navarre, sconvolto, affida a Philippe la salvezza del suo fido amico e gli indica un castello diroccato dove il monaco Imperius potrà aiutarlo a guarirlo. Philippe obbedisce, raggiunge il maniero e depone il falco nelle mani del monaco il quale gli ordina di lasciarlo solo. Ma durante la sua assenza, al calar della notte, Philippe entra nella stanza dove è custodito il falco trovandovi, invece, la stessa fanciulla incontrata la notte nel bosco. Dopo averle salvato la vita, Imperius ubriaco racconta a Philippe tutta la verità: Navarre e Isabeau (questo il nome della donna) innamoratisi ad Aguillon e traditi da lui stesso quando era frate presso la cattedrale della città, sono vittime di una maledizione lanciata dal Vescovo, da sempre invaghito della fanciulla. Falco di giorno lei, lupo di notte lui. Sempre insieme, eternamente divisi.
In quel preciso istante Philippe capisce il motivo di vendetta di Navarre e decide di aiutare il Capitano a portare a termine la sua impresa, spinto anche dal sogno premonitore di Imperius riguardante il destino dei due innamorati: di lì a breve, infatti, vi sarà una notte senza il giorno e un giorno senza la notte, dove la maledizione finalmente terminerà. Navarre non crede alle sue parole, raggiunge Aguillon grazie a Philippe e affronta il suo avversario nella cattedrale della città, sconfiggendo in un epico duello il capitano della guardia Marquet (Ken Hutchinson). Ma proprio quando sta per sferrare l’ultimo colpo, l’eclissi di sole si compie e Isabeau si mostra finalmente a lui. Navarre, incredulo, per difendersi uccide il Vescovo e, dopo aver compiuto la sua vendetta, si ricongiunge alla sua amata.
downloadPERCHÉ VEDERLO
Per la sceneggiatura.
Si da il caso che ella frequenti i miei sogni. E sarebbe bello, chiamarla per nome e fingere di averla già incontrata. (Etienne Navarre)
Salva questo falco, ha detto, poiché ella è la mia vita. La mia unica ragione di vita. (Philippe Gaston)
Lo sai che i falchi stanno insieme per sempre e così anche i lupi? Be’… il Vescovo non ci ha concesso neanche questo. Neanche questo… (Etienne Navarre)
Per la fotografia.
Due scene su tutte. Il volo di Isabeau dalla torre mentre spunta l’alba e si trasforma in falco e l’avanzare delle mani dei due innamorati al sorgere del sole, quando Navarre riassume sembianze umane e la donna quelle del falco stesso. Giochi di luce con sfumature notturne che diradano a poco a poco a favore dell’esplosione dell’aurora. Da applausi.
Per gli effetti speciali.
Per essere un film datato 1985 non ha niente da invidiare alle moderne produzioni tecnologiche. Bellissime le trasformazioni dei due protagonisti: quella di Navarre, da lupo a uomo partendo dal particolare della sua pupilla dilatata; e quella di Isabeau, da donna a falco sempre partendo dal particolare dello sguardo. Lente, graduali, artigianali. Non servono necessariamente l’HD né il 3D per fare del buon cinema!

Per la colonna sonora.
Meraviglioso il Love Theme, trascinante il Main Title, eccezionali e ritmici i temi dei combattimenti, su tutti quello del duello finale tra Navarre e Marquez nella cattedrale, un insieme di suoni distorti combinati con l’audio delle immagini rallentate che rispecchiano lo stridio delle lame delle loro spade incrociate. Di grande livello, davvero.

E poi…
Perché è una favola di classe.
E perché Rutger Hauer e Michelle Pfeiffer sono una coppia bellissima.

 di Giorgia Amantini

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...